All About Bon Jovi All About Bon Jovi All About Bon Jovi

Articolo Bon Jovi, la maturità del rock: non amo i miei vecchi successi

Bon Jovi, la maturità del rock: non amo i miei vecchi successi

Il nuovo disco «This House Is Not For Sale» uscirà venerdì dopo un periodo difficile per la rockstar del New Jersey: «Ma il dolore aiuta la creatività»

LONDRA - I capelli sono corti e grigi. Sul viso non c’è una ruga. I jeans attillati come una volta. Se esteriormente i cambiamenti sono limitati, dentro gli anni hanno avuto ripercussioni più marcate. Jon Bon Jovi è a Londra per presentare il nuovo album, «This House Is Not For Sale». Difficile non leggere nel titolo («questa casa non è in vendita») un riferimento alla sopravvivenza in un’industria effimera. «Gli ultimi tre anni non sono stati facili», racconta. Si commuove sul palco del Palladium, più di una volta si ferma e deglutisce. «Più analisi che un concerto», scriverà il Telegraph. Eppure le sue emozioni non stonano con lo spettacolo. Dopo anni di stadi strapieni, Bon Jovi si concede in veste diversa: un teatro raccolto, un racconto intimo, l’album, per la maggior parte sconosciuto, eseguito per intero, dal primo all’ultimo brano.

L’idea nasce da un concerto dei Queen a Broadway, una serata a tu per tu con i fan: «Volevo anch’io instaurare un dialogo, questo spettacolo è una conversazione». Il progetto è cresciuto in modo integrale dopo le prove nel suo New Jersey. Parenti e amici sono rimasti colpiti dalle storie con le quali ha introdotto i brani: «Per ognuno di noi una canzone ha riferimenti personali, diventa inestricabilmente legata a quando l’abbiamo sentita, con chi, in che stato mentale. È un piacere per un artista sapere che i suoi brani vivono nella mente e nel cuore di qualcun altro e si trasformano, ma è anche bello poter condividere con il pubblico il significato originale». A sentirlo parlare è chiaro che Bon Jovi esce da un periodo complicato: «Dal dolore però nascono grandi canzoni», precisa il rocker. Crisi di mezza età? Problemi familiari e professionali? «Ho superato tutto, adesso posso dire che sono felicemente sposato con la stessa donna da trent’anni, e da trent’anni suono con la stessa band e per la stessa casa discografica».

C’è stato un momento particolarmente buio in cui la relazione con la label sembrava terminata e il chitarrista Richie Sambora se ne è andato senza preavviso. Tutte difficoltà, sottolinea Bon Jovi, che hanno dato vita a una nuova creatività. «L’idea di girare il mondo cantando vecchi successi non mi entusiasma più. L’ho fatto tante volte. Le canzoni saranno per sempre una parte di me, ma è bello anche provare a fare cose nuove». Ecco quindi il perché di un album suonato per intero, in cui racconta la sua passione per la musica, per quello che, forte dell’appoggio dei fan, ha creato nell’arco della lunga carriera: «“This House” siamo noi, voi del pubblico e io, e non siamo in vendita. Ogni canzone dell’album è importante».

È la differenza tra artisti vecchio stampo e nuove star che partono dall’idea di scrivere e suonare singoli e successi. «È un modo di lavorare valido per alcuni artisti, ma non per tutti: per me comprare un album da ragazzino era un momento speciale. Lo portavo a casa, lo scartavo, guardavo la copertina, lo mettevo sul giradischi, alzavo il volume al massimo e lo sentivo dall’inizio alla fine». Un piacere che si è perso: «Oggi passiamo il tempo al telefono, abbiamo altri ritmi». A una manciata di giorni dalle elezioni statunitensi, lui che per i Clinton ha suonato, raccolto e donato fondi, si concede un avvertimento: «Sono cresciuto nell’era dei Kennedy, in cui tutto era possibile. Vuoi andare sulla luna? Si può. Oggi tanta gente si sente esclusa dal sogno americano, si chiede dove è il suo nido, si interroga su dove sono finite le speranze e le aspirazioni. È questa la gente alla quale Hillary deve parlare».

01/11/2016 Corriere Della Sera

Condividi l'articolo su

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Pinterest
© 2016 All About Bon Jovi - Contenuti rilasciati sotto Licenza Creative Commons BY-NC-SA. - Privacy - Note legali - contatti@bonjovimusic.it